L’educazione finanziaria come materia scolastica

L’educazione finanziaria come materia scolastica negli Stati uniti è di nuovo all’ordine del giorno.  L’educazione finanziaria – da iniziare in età precoce e continuare nella vita attiva – porterà ad una alfabetizzazione finanziaria, che a sua volta porta ad un buon comportamento finanziario e a un miglioramento del benessere per gli individui e le famiglie.

In altre parole, essere finanziariamente letterato farebbe meglio. Ma è  troppo semplice, ed è l’educazione sufficiente da sola a proteggere i cittadini nel mercato finanziario di oggi?

Le recenti crisi hanno rivelato che il settore finanziario è molto complesso e  uno ha bisogno di un particolare insieme di competenze per navigare al suo interno. Diverse indagini condotte dopo la crisi hanno dimostrato che il livello di alfabetizzazione finanziaria dei cittadini è generalmente molto basso, anche tra quelli più direttamente colpiti dalla crisi finanziaria. Questa ignoranza di finanza non sorprende data la complessità dei moderni mercati finanziari e dei prodotti. La crisi finanziaria ha tuttavia fornito un’ottima motivazione per i cittadini per diventare più coinvolti nella regolazione finanziaria: con più comprensione di come funziona il sistema, essi possono esercitare un’influenza e contribuire a cambiarlo.

Di conseguenza si evince come oggi l’analfabetismo finanziario è un problema serio anche nei paesi più sviluppati come gli Stati Uniti e i paesi dell’Europa.

Negli Stati Uniti, uno studio del 2015 fatto dal regolatore finanziario FINRA ha concluso che i cittadini americani di solito hanno “difficoltà ad applicare capacità decisionali finanziari a situazioni di vita reale”, e quasi due terzi non hanno passato  un test di base di alfabetizzazione finanziaria.   Lo studio ha esaminato varie situazioni finanziare in cui si può incorrere nella vita quotidiana e da risolvere ovvero come sbarcare il lunario,la pianificazione, la gestione di prodotti finanziari, varie conoscenze finanziarie e il processo decisionale.

I risultati sono sorprendenti poiché i cittadini americani in teoria dovrebbero essere  abituati  a prendersi cura autonomamente delle loro finanze personali e hanno generalmente più voglia di giocare sul mercato azionario quindi avrebbero dovuto rispondere in modo più preciso riguardo la materia finanziaria.

Un sondaggio internazionale di alfabetizzazione finanziaria pubblicato dall’OCSE / INFE Indagine Internazionale di adulti Financial Literacy competenze, del 12 ottobre 2016  ha trovato che i livelli complessivi di alfabetizzazione finanziaria in 30 paesi sono stati “relativamente bassi”, con particolari carenze della capacità delle persone di comprendere concetti come ad esempio l’interesse composto e i vantaggi della diversificazione. Il punteggio medio in tutti i paesi e le economie partecipanti era 13,2 (su un massimo di 21), e il 13,7 tra i paesi OCSE.

Lascia un commento