Risparmiare sulla bolletta elettrica

Trucchi e suggerimenti per risparmiare sull’elettricità

Una delle maggiori accortezze che una famiglia compie, con certosino lavoro mensile, è quella di risparmiare sulle utenze casalinghe, quanto più possibile. Nonostante possa sembrare uno sforzo spesso elevatissimo esistono, tuttavia, piccoli accorgimenti che contribuiscono al successo di tale operazione.
Ce ne sono in particolare 3 che richiedono minimo sforzo e massimo risultato.

Non lasciare acceso ciò che non serve

Si tratta di una regola universale: vale per tutto e, spesso, non viene applicata nonostante la sua semplicità. Pensate a quando cambiate stanza lasciando la luce accesa in quella che state abbandonando o a quando non spegnete il computer per paura di non perdere la partita in corso o, ancor peggio, quando avete ospiti a cena e pertanto è tutto acceso perché “è bello”. Questo non aiuterà le vostre finanze, chiaramente. Eppure con un minimo di accorgimenti, cercando di spegnere quegli apparecchi che non vi servono in quel dato momento, quelle luci che è inutile tenere accese se non siete in casa, potreste significativamente diminuire il vostro esoso conto della bolletta. Conviene farlo, non pensate?

Prestare attenzione allo stand-by degli elettrodomestici

Gli elettrodomestici sono tra le più grandi invenzioni di questi tempi, come tutte quelle volte a semplificarci la vita, ad aiutarci quando torniamo stanchi da lavoro e abbiamo poca voglia di cucinare e lavare piatti, asciugare capi e quant’altro. Eppure, questi hanno una controindicazione che è bene indicare con chiarezza: vanno usati con parsimonia e – cosa non scontata – totalmente spenti se non utilizzati. La maggior parte degli elettrodomestici, infatti, presenta una fase intermedia tra la dicotomia binaria on/off: è quella dello stand-by, un momento in cui sono pronti all’eventuale riutilizzo e rimangono in attesa di ordini successivi. Si tratta di un momento che è testimoniato, spesso, dalla presenza di spie che rimangono accese e che sono una vera e propria comunicazione di possibile e pronta operatività da un momento all’altro, se necessario. Una norma di buon senso è quindi, se non si ha urgenza immediata, quella di disattivare questi oggetti, utili ma potenzialmente carissimi.

Puntare sulle fonti rinnovabili

Mai come di questi tempi un tema che è particolarmente sentito è quello che riguarda l’ambiente. È proprio in tal senso che vanno tutte le ricerche sull’energia verde, sulle fonti pulite, sul riciclo dei materiali. Una cosa che spesso è poco sottolineata è, però, la capacità di risparmiare con le fonti rinnovabili, che è uno dei motivi per i quali si sta cercando di incentivare tantissimo il loro utilizzo. Nonostante un investimento iniziale spesso esoso, si riesce infatti a rientrare delle spese godendo della possibilità di avere un appartamento che autoproduce energia, favorendo un sensibile downgrade delle spese in bolletta. Insomma l’equazione regge: più verde, più soldi. Non male, no?

Lascia un commento