Insonnia e disturbi del sonno nei bambini

L’insonnia è uno dei disturbi del sonno frequente anche nei bambini.

Il sonno nei bambini

Questo problema però a differenza che negli adulti, non è in questo caso una vera patologia, ma è un disturbo dovuto dalle cattive abitudini che i bambini hanno durante il giorno e anche prima di addormentarsi.

Questa segnalazione è stata lanciata dall’Osservatorio Nazionale sulla salute dell’infanzia e dell’adolescenza (Paidòss).
Giuseppe Mele, il presidente della Paidòss ha infatti detto che i bambini oggi non dormono le ore che dovrebbero, e tanti perdono almeno 40 minuti di sonno ogni notte.

Consigli per dormire bene

Infatti la regola dice che i bambini tra tre e cinque anni dovrebbero dormire dalle 11 alle 13 ore, e dagli 11 ai 13 anni circa 8-9 ore.

Per prima cosa quindi, per combattere insonnia e disturbi del sonno nei bambini, i pediatri consigliano che il bambino vada a letto presto, ovvero entro le 21. Se va a letto dopo infatti ci impiega di più per addormentarsi e può succedere che si svegli più volte anche durante la notte.

Un’altra cosa utile da fare è quella di spegnere tablet, computer e tv intorno alle 20 e comunque un’ora prima che il bambino vada a letto. Infatti è dimostrato che la luce blu emessa dai dispositivi elettronici inibisce la produzione di melatonina, l’ormone che regola il ciclo del sonno.

Altro accorgimento per favorire il sonno notturno, è di non fare cene pesanti, ma con alimenti che stimolano la serotonina, come pollo, uova, pesce, latte e eventualmente il bambino se lo vuole può bere una tazza di latte prima di andare a dormire.

Ancora almeno mezz’ora prima di andare a letto, la casa dovrebbe essere silenziosa in modo che il cervello non sia disturbato da rumori e suoni fastidiosi che impediscono un buon sonno.

Insonnia come conseguenza di altre patologie e disturbi correlati

E’ vero però che a volte l’insonnia e i disturbi del sonno nei bambini possono essere conseguenza di vere patologie come ad esempio asma, reflusso, disturbi dell’orecchio o apnee ostruttive.

Si deve ricordare che insonnia e disturbi del sonno nei bambini possono portare poi a disagi o disturbi più o meno accentuati del comportamento del bambino durante il giorno, sia a scuola che in famiglia, che può arrivare a essere sonnolento sui banchi, a volte aggressivo senza motivo, può non riuscire a stare attento o essere agitato in classe.

In questo caso ci si deve rivolgere al pediatra di fiducia per risolvere il problema quanto prima e fare si che il bambino possa ritrovare benessere e serenità..

Lascia un commento