Dentisti per Bambini

Il dentista pediatrico, dalla prima visita in poi

Molte volte i genitori si pongono delle domande sulla salute dentale e orale dei propri bambini. In molto casi ci si trova impreparati sull’argomento e si fatica ad individuare un medico specializzato nel trattamento dei più piccoli.

Dunque è bene sapere che, quando si tratta di curare i denti dei bambini, bisogna rivolgersi a medici dentisti specializzati nel trattamento di pazienti in età pediatrica. Nello specifico, il ramo dell’odontoiatria nella quale operano gli odontoiatri pediatrici prende proprio il nome di pedodonzia.

La pedodonzia, infatti, è il settore dell’odontoiatria specializzato nella cura dei bambini. Si tratta di un trattamento pediatrico eseguito da medici, infermieri e odontoiatri specializzati nel settore pediatrico.

Può capitare che i bambini abbiano paura del dentista. Per questo negli studi di pedodonzia, il medico, esegue alcune visite definite “di avvicinamento” nelle quali farà in modo che il piccolo paziente prenda confidenza con lo studio e con gli strumenti che il professionista utilizzerà nella seduta vera e propria.

  • Se, come spesso accade, anche le sedute di avvicinamento non bastano, genitori e dentisti possono rassicurare il bambino seguendo delle semplici regole:
  • non avvertire il bambino con molti giorni di anticipo. Avvisarlo della visita associandola ad una possibile uscita anticipata da scuola;
  • promettere ai bambini un piccolo premio. In generale, il dentista può regalare qualche piccolo gadget ai bambini al termine della seduta (in questo caso andranno premiati i bambini sia che la seduta sia andata a buon fine che nel caso contrario) e i genitori possono promettere (prima dell’ingresso nello studio) di concedere al bambino qualche premio come un gelato o una particolare esperienza divertente (cinema, parco giochi ecc…);
  • mettere a confronto i bambini all’interno dello studio può essere particolarmente rassicurante per i piccoli pazienti. Infatti, far vedere ad un bambino che si sottopone serenamente ad un trattamento può essere benefico;
  • è bene non mettere il bambino in uno stato di ansia o pausa. Dunque è consigliabile non accompagnare il bambino in coppia (mamma e papà) per evitare che il più piccolo possa pensare che si tratti di una “cosa grave”.

È importante ricordare che lo specialista che si occupa della cura dei bambini è differente da colui che si occupa della salute dentale degli adulti. Per questa ragione, anche le tecniche utilizzate saranno differenti e adatte ai più piccoli.

Una tra le più importanti differenze che si evidenza nel trattamento di pazienti pediatrici è la sedazione. Infatti, nei bambini, è utilizzata una tecnica definita di “sedazione cosciente”. Questa viene eseguita tramite l’utilizzo di protossido d’azoto. Nello specifico, viene applicata al bambino una mascherina la quale, emanando il protossido, pone i bambini in uno stato di sedazione mantenendoli però vigili. Questo serve per permettere al dentista di lavorare liberamente e al bambino di sentirsi rilassato durante l’operazione.

Un’altra caratteristica che differenzia le visite dentistiche per adulti e per bambini è la particolare cura per le carie. Come è noto, nei bambini, è più frequente l’insorgenza di carie rispetto agli adulti. Per questa ragione, dunque, viene utilizzata una tecnica chiamata sigillatura. Mediante la chiusura dei solchi tra i molari si impedisce l’accumulo della placche e dunque si previene l’insorgenza di carie.

Spesso, i genitori, si chiedono quali siano i rischi che possono insorgere a causa di una scarsa o insufficiente igiene orale e dunque si rivolgono agli specialisti per prevenirli. Le carie rientrano tra le prime problematiche e come detto in precedenza, esiste una soluzione in grado di prevenirne la comparsa.

Più in generale è bene ricordare che, portare i bambini dal dentista è un passo importante nella salute del bambino e non deve essere sottovalutato.

Pur considerando che la dentizione avviene intorno ai sei mesi di età del bambino, non è necessario prenotare una prima visita dentistica già in quel momento. Infatti, per far si che il controllo sia realmente efficace e che il dentista possa dare consigli adeguati bisognerà attendete i 3/4 anni, momento nel quale il bambino presenterà una dentatura da latte completa e dunque sarà possibile per lo specialista verificare se vi sia un buon allineamento mandibolare, chiamato anche occlusione mandibolare e se si stia perpetrano una buona tecnica di igiene orale quotidiana. Successivamente se non si presentano problematiche di disallineamento oppure relative all’igiene quotidiana, sarà necessario prenotare una visita dentistica per il proprio bambino intorno ai 6 anni quando, i denti da latte cadono e cominciano a comparire i denti permanenti. In questa occasione il medico farà una valutazione preliminare del buon assetto delle arcate. Solo in un secondo momento, quando il bambino avrà una dentatura permanente completa, ossia tra gli 8 e gli 11 anni, il dentista potrà fare una valutazione più approfondire e decidere se sia necessario compiere interventi odontoiatrici più o meno invasivi sul paziente.

Inoltre, è bene ricordate che, anche per quanto riguarda gli apparecchi, lo specialista non potrà valutare la necessità di installarlo prima degli 8 anni.

Lascia un commento